Home Skiarea Rolle Storia

Storia

FUNIVIA ROSETTA

 

La funivia fu ideata dal conte feltrino Antonio Bovio e fatta costruire nel 1957 quando sembrava un'impresa quasi impossibile. L'opera diede un indubbio prestigio a tutta l'Italia: il titolo a 9 colonne del Gazzettino, nel giorno dell'inaugurazione (il 12 agosto 1957), fu:"Gronchi inaugura l'ardita funivia della Rosetta ". L'evento, 47 anni fa, venne onorato dalla presenza del Capo dello Stato Giovanni Gronchi. Già la settimana successiva San Martino diventò a tutti gli effetti la capitale della vita mondana dell'estate (un "onore" passato poi a Cortina): uscì un servizio a colori sul settimanale laDomenica del Corriere e, soprattutto vi arrivò l'attrice Silvana Mangano - una star dell'epoca - per alloggiare tre settimane all'hotel Majestic Dolomiti pedinata da schiere di fans e di paparazzi.

 

Da quel lontano agosto1957 l'impianto è entrato nei ricordi di tutti gli amanti della montagna: nessuno può dimenticare lo spettacolo che si gode dall'alto di questo angolo di Dolomiti, sia d'inverno che d'estate: un'autentica passeggiata nel cielo.

 

 

Fu proprio Antonio Bovio, insieme ai fratelli Giancarlo (banchiere) e Pietro (celebre avvocato a Venezia) a credere nelle potenzialità della zona: «Nel 1950 - ricorda Giovanni Bovio - entrò in funzione la prima seggiovia monoposto della zona,la Col Verde.San Martino, all'epoca, disponeva soltanto di una slittovia che portava in cima alla Tognola».

Negli anni Sessanta la funivia della Rosetta era la più alta d'Italia e già dal 1960 fu affiancata da due skilift. Il primo re-styling della Rosetta è datato 1965. Ci vollero poi altri 17 anni per il riammodernamento con la portata che aumentò fino a 260 persone l'ora.

xx

xx